SOCIETA

Ottimizzazione della struttura del sito

Quando crei o modifichi il tuo sito devi prestare una certa attenzione a numerosi dettagli onde evitare di perdere posizionamento e visite. Segui la nostra guida per non correre rischi inutili!

  • step 01 Scelta del dominio

    Scelta del dominio con o senza WWW

    Gli URL contenenti il suffisso “www” vengono interpretati e quindi indicizzati come domini completamente diversi rispetto agli URL che non lo contengono. Ovvero i link a http://www.miosito.it e http://miosito.it sono conteggiati separatamente. Puoi risolvere questo problema scegliendo il formato che preferisci (denominato standard) e reindirizzare l’altro verso di esso. Per questa operazione è necessario utilizzare un reindirizzamento server-side 301, così potrete reindirizzare tutti gli altri domini a quello preferito. Prestate molta attenzione perché questa è una strategia avanzata e se eseguita in maniera errata può provocare un danno reale al tuo sito. Assicurati sempre che tutti i link sul tuo sito ( inclusa la mappa del sito) puntino agli URL corretti. Nessun link o voce della mappa del sito dovrebbe puntare a un URL che contiene un reindirizzamento!

  • step 02 Evita i duplicati

    Cerca di evitare la presenza di contenuti duplicati

    I principali motori di ricerca mettono a disposizione degli strumenti che mostrano dati e statistiche sul traffico in entrata sul proprio sito e analizzano inoltre la navigazione degli utenti una volta entrati. Con l'aiuto di Google Search Console e gli “Strumenti per Webmaster” di Bing potrai svolgere delle operazioni molto importanti quali:

    • Paese specificato nel nome di un dominio
    • Link interno incoerente (si raggiunge sempre la stessa pagina con http://www.miosito.it/page/ e http://www.miosito.it/page e http://www.miosito.it/page/index.htm)
    • I siti di ecommerce mostrano o collegano prodotti tramite più URL univoci (ID di sessione, parametri URL utilizzati per il monitoraggio e l'ordinamento)
    • Pagine web archiviate create in automatico dal CMS (es. Wordpress, Magento ecc) con cui avete creato il sito
    • Pagine di commenti (quando ogni commento ha al suo interno un’altra pagina che conduce a fonti di spam)
    • Forum che generano l’apertura automatica di pagine durante la visualizzazione da mobile


    Per essere certo di mostrare ai tuoi visitatori il contenuto che desideri, esegui questa sequenza di operazioni:

    • Utilizza domini di primo livello quando possibile per gestire le specifiche del paese per aiutare i motori di ricerca a servire la versione più appropriata di una pagina. Ad esempio, http://www.miosito.ru che contiene contenuti orientati alla Russia è molto meglio di http://www.miosito.it/ru o http://ru.miosito.it
    • Conservare la coerenza tra i propri link interni. Ad esempio, non collegare a http://www.miosito.it/page/ e http://www.miosito.it/page e http://www.miosito.it/page/index.htm. Questi possono essere considerati come pagine differenti dai robots dei motori di ricerca
    • Controlla come vengono visualizzati i contenuti del tuo sito. I blog, i forum ed altri sistemi mostrano spesso lo stesso contenuto in diversi formati. Ad esempio, una voce di un blog può essere visualizzata nella home page di un blog, in una pagina di archivio e in una pagina di altre voci se creata con lo stesso titolo o tag
    • Se hai modificato degli URL sul tuo sito, utilizza i reindirizzamenti 301("Reindirizzamento permanente”) mediante il file .htaccess per reindirizzare in maniera intelligente gli utenti ed motori di ricerca verso il corretto contenuto (anche in Apache, è possibile farlo con un file .htaccess, in IIS puoi eseguirlo tramite la console di amministrazione)
    • Evitare di utilizzare contenuti simili in pagine diverse. Se hai molte pagine simili, cerca o di argomentare maggiormente le singole pagine o raggruppa tutti i contenuti in una pagina unica


    Utilizza l'elemento di collegamento -rel = “canonical"- all'interno delle pagine meno importanti o che hanno un contenuto simile a quello importante (quello canonico). Puoi specificare una pagina canonica per i motori di ricerca aggiungendo un elemento <link> con l'attributo rel = "canonical" alla sezione <head> della pagina in esame. Grazie all’aggiunta di questo link e del relativo attributo consentirai ai motori di ricerca di identificare set di contenuti identici e suggerire a Google quale pagina fra le tante desideri indicizzare. Ad esempio, se l'URL di pagina importante è http://miosito.it/page1.html, aggiungi

    <link rel = “canonical" href = "http://miosito.it/page1.html" />

    nella sezione <head> di tutte le versioni non importanti della pagina.

    Se scopri che un altro sito sta duplicando il tuo contenuto illegalmente, puoi inviare una richiesta DMCA a Google, Yahoo e Bing per richiedere la proprietà e la rimozione dell'altro sito dall'indice dei motori di ricerca.

  • step 03 Specifica quale pagina indicizzare

    Utilizzo del tag rel="canonical"

    Nel mondo della gestione dei contenuti e dei sistemi di shopping online, è comune che lo stesso contenuto, prodotto o pagina sia accessibile da molti URL. Per evitare di essere colpiti dall’algoritmo di Google chiamato Panda, assicurati di usare un elemento link rel=canonical per specificare la pagina che desideri indicizzare.
    Scrivi questa istruzione nella sezione head della pagina che NON desideri indicizzare:

    <link rel = “canonical" href = "http://miosito.it/page1.html" />

    http://miosito.it/page1.html sarà l'URL preferito usato dai motori di ricerca per accedere alla pagina, così che i risultati di ricerca mostreranno molto probabilmente quella struttura di URL agli utenti. Cerca di usare link con percorsi assoluti piuttosto che relativi quando utilizzi l'elemento link rel="canonical". Non specificare più di un link rel=canonical per pagina altrimenti tutti i rel=canonical verranno ignorati.

  • step 04 Struttura dei link interni

    Ottimizza la struttura dei link interni

    L'ottimizzazione della struttura di collegamento del sito ti aiuta ad accrescere il PageRank, ovvero il link juice (indice della quantità di link presenti all’interno di una pagina), alle pagine che ne hanno bisogno. Le pagine che ritieni più importanti sono quelle che dovrebbero ricevere il maggior numero possibile di link in entrata ed avere una bassa quantità di link in uscita a pagine con autorità ed una integrità elevata e certificato.
    Quindi rimuovi i link alle pagine meno rilevanti presenti sul tuo sito e inserisci più link alle pagine che desideri mettere in evidenza. Questa operazione porterà il link juice alle pagine importanti e contribuirà a farli salire in classifica.
    I link sitewide (sono i link dal menu di navigazione di un sito o di un footer presente su ogni pagina..) sono meno rilevanti rispetto ai link inseriti nel testo e circondati da parole dal contenuto rilevante. I link sitewide ad altri siti potrebbero potenzialmente penalizzarti.

  • step 05 Reindirizzo dei link

    Usa il reindirizzamento SEO-friendly 301 quando cambi la struttura degli URL del tuo sito web

    Dovresti usare un server-side di reindirizzamento 301 Spostato Permanentemente e ottimizzato per il SEO quando modifichi la struttura dell'URL del tuo sito,essi sono particolarmente utili se

    • Hai trasferito il tuo sito su un nuovo dominio, e vuoi rendere lo spostamento il più facile possibile
    • Stai unificando due siti e vuoi essere certo che i link agli URL delle vecchie pagine siano reindirizzati alle pagine corrette


    Un reindirizzamento 301 Spostato Permanentemente significa che la risorsa (pagina, immagine, prodotto ecc) richiesta è stata spostata permanentemente a un nuovo URL e ogni futuro collegamento a questa risorsa dovrà usare uno di questi URL respinti. Google caldeggia l’utilizzo dei reindirizzamenti 301per modificare l'URL di una pagina così come è mostrata nei risultati dei motori di ricerca.
    Per eseguire un reindirizzamento 301 per siti che sono hostati su server Apache, dovrai accedere e modificare il file .htaccess presente nel tuo server. (Se non sei sicuro del tuo accesso o del software del server, verificalo con in tuo webhoster.) Se il tuo sito è hostato su un server che utilizza altri software, verifica con il tuo servizio di hosting per maggiori informazioni su come procedere.

  • step 06 Limita link esterni

    Ogni pagina non deve avere troppi link che portano l'utente a siti esterni.

    Fornire ai tuoi utenti un link collegato ad una buona risorsa esterna presente su un sito autorevole aggiunge valore agli occhi dei tuoi visitatori.
    Tuttavia posizionare troppi link che conducono l’utente fuori dal proprio sito può avere un impatto negativo sul posizionamento.
    Google, se vuoi evitare problemi di indicizzazione del sito e migliorare l'esperienza dell’utente, consiglia esplicitamente di utilizzare meno di 100 link in uscita, quindi:

    • Conteggia i link in uscita esterni sulle tue pagine
    • Riorganizza i link validi
    • Rimuovi i link esterni che non portano una reale aggiunta di valore ai contenuti per i tuoi visitatori
  • step 07 Corretta scrittura degli URL

    Scrivi gli URL del tuo sito in modo da renderli leggibili ai motori di ricerca

    Se le pagine del tuo sito sono create dinamicamente, è fondamentale mantenere gli URL il più semplici e chiari possibili - così che i motori di ricerca possano effettuare facilmente il crawl (lettura dei dati da parte dei robot di Google) e quindi indicizzarli. Gli URL devono essere scritti in modo tale da risultare facili da leggere, condividere e elencare nelle pagine di ricerca. Per esempio, questo URL non è adatto ai motori di ricerca:

    http://www.miosito.it/viewproduct.php?category=7465&product=1234&color=black&sid=864676987 
    

    In alternativa, puoi usare un URL più adatto ai motori di ricerca:

    http://www.miosito.it/scarpe/nike/bianche/

    Questo URL non contiene parametri e sessioni ID così da essere facile da individuare dai crawl e indicizzare nei motori di ricerca. È anche facile da ricordare per l’utente che naviga nel web.
    Oltretutto se la struttura del sito permette la rimozione della parte dell'URL /bianche/ nella barra dell'indirizzo, l’utente avrà la piacevole sorpresa di ritrovarsi a un livello precedente, senza dover ripetere la navigazione. Per rendere i tuoi URL adatti ai motori di ricerca, cerca di seguire queste istruzioni:

    • Nascondi ogni stringa di query nei tuoi URL
    • Evita di usare sessioni di ID negli URL. Piuttosto prendi in considerazione l'utilizzo di cookies
    • Usa parole “reali” negli URL e semplici strutture di directory (è consigliato fortemente che le nomenclature delle directory abbiano una relazione con i contenuti delle stesse)
    • Consentire la rimozione di una parte dell'URL


    Per maggiori informazioni sui consigli di Google per URL adatti ai motori di ricerca, fa' riferimento a questa guida Search Console Help > URL Structure.

  • step 08 Controllo dei link non funzionanti

    Controlla sempre la valità dei link presenti nel tuo sito

    Per rendere il tuo sito user-friendly (sfruttabile per gli utenti) e search-engine-friendly (leggibile per i motori di ricerca), assicurati che il sito non presenti problemi di link non funzionanti o anchor mancanti. Utilizza il report di Google Search Console per scoprire quali sono i link che hanno generato errori e correggili quando necessario.

  • step 09 Ottimizza la velocità di caricamento delle pagine

    Ottimizza le tue pagine in modo tale da rendere il loro caricamento il più rapido possibile

    La velocità di caricamento delle pagine deve essere una priorità perché i siti lenti riducono la soddisfazione dei visitatori, i tassi di conversione e hanno anche un impatto negativo diretto sul posizionamento del sito.
    Utilizza Google PageSpeed Insights per controllare il tuo punteggio di velocità, metti in atto i consigli che Google ti fornisce per migliorare il tempo di caricamento del tuo sito web.

  • step 10 Evita gli annunci nella parte visibile della pagina

    Evita annunci eccessivi nella parte visibile della pagina. Questo ti penalizzerà!

    Precedentemente introdotto da Google nel gennaio 2012 poi aggiornato nello stesso anno il mese di ottobre, questo algoritmo si rivolge ai Siti web con troppi annunci “above the fold” (ovvero con troppi annunci nella parte visibile della paginia). Matt Cutts di Google ha dichiarato ufficialmente che

    "Google individua molti siti che utilizzano più annunci nella parte superiore del loro sito per portare denaro, e quelli sono comunemente i migliori esecutori"

    Matt Cutts Google Software engineer

    Alcuni siti però, occupano troppo spazio nella parte superiore del loro sito ad un livello tale che colpisce negativamente l’esperienza di navigazione dell'utente, questi sono i siti che potrebbero essere colpiti dall’aggiornamento dell’algoritmo sopracitato.
    Infine, se sei interessato all'aggiornamento Top Heavy (algoritmo che penalizza i siti troppo pesanti), la soluzione è una sola: rimuovi gli annunci in eccesso e attendi che i robot di Google indicizzino nuovamente la pagina.

  • step 11 Utilizza lo Schema Markup

    Usa lo Schema Markup per attirare più visitatori

    Lo Schema Markup (anche chiamato "microdata") indica ai motori di ricerca il contenuto del tuo sito in una maniera facilmente comprensibile. Schema Markup viene inoltre utilizzato per ottenere risultati rilevanti nei risultati di ricerca.
    I Rich Snippets sono risultati di ricerca con miglioramenti come immagini, recensioni, prezzi, eventi, orari, numeri di telefono, indirizzi ecc. Essi portano ad un numero di clic molto più elevato in quanto facilmente identificabili e fruibili per gli utenti.
    Schema.org è il sito contenente tutti i frammenti di codice disponibili che i motori di ricerca hanno concordato, aggiungi un appropriato Schema Markup per migliorare le classifiche delle tue pagine e attirare più clic.
    Utilizza lo strumento Google Structured Data Markup Helper per generare codice HTML con incluso lo Schema Markup per testare il tuo markup esistente.

  • step 12 Utilizzo dello strumento Open Graph Markup

    Open Graph Markup per controllare come appaiono i tuoi contenuti in un grafico social

    Lo Schema Markup (anche chiamato "microdata") indica ai motori di ricerca il contenuto del tuo sito in una maniera facilmente comprensibile. Schema Markup viene inoltre utilizzato per ottenere risultati rilevanti nei risultati di ricerca.
    I Rich Snippets sono risultati di ricerca con miglioramenti come immagini, recensioni, prezzi, eventi, orari, numeri di telefono, indirizzi ecc. Essi portano ad un numero di clic molto più elevato in quanto facilmente identificabili e fruibili per gli utenti.
    Schema.org è il sito contenente tutti i frammenti di codice disponibili che i motori di ricerca hanno concordato, aggiungi un appropriato Schema Markup per migliorare le classifiche delle tue pagine e attirare più clic.
    Utilizza lo strumento Google Structured Data Markup Helper per generare codice HTML con incluso lo Schema Markup per testare il tuo markup esistente.

  • step 13 Open Graph per l'ottimizzazione sui Social

    Utilazza Open Graph Markup per controllare come appaiono i tuoi contenuti in un Social Network

    Il protocollo Open Graph consente a qualsiasi pagina web, di diventare attraverso la condivisione di contenuti, website e applicazioni di terze parti con il proprio network di amici un oggetto ricco in ambito Social. Ciò significa che se vuoi controllare come la tua pagina si presenta quando viene condivisa su Facebook, è opportuno utilizzare gli Open Graph meta tag nella parte superiore della pagina.
    Tutte le altre piattaforme principali, Twitter, LinkedIn, e Google, riconoscono i tag Open Graph, ll set basilare di tag Open Graph include:

    • og: title - Il titolo del tuo oggetto come dovrebbe apparire all'interno del grafico( es. "La luna" ).
    • og:type - il tipo di oggetto( es. "video.movie")


    A seconda del tipo specificato, possono essere necessarie altre proprietà:

    • og: image - l'URL di un’immagine che dovrebbe rappresentare l'oggetto in questione.
    • og: url - L'URL standard del tuo oggetto che verrà utilizzato come ID permanente nel grafico ( es. "http://www.imdb.com/title/tt0117500/" )


    Nel caso si abbia la necessità di pubblicare contenuti su Facebook è molto importante usare il suo strumento di test: Facebook debugger

  • step 14 Ottimizza per i dispobitivi mobile

    Ottimizza il tuo sito per i dispositivi mobile

    Tutto il mondo si sta orientando verso l’utilizzo delle tecnologie mobili ed è vitale avere il tuo sito internet ottimizzato per i dispositivi mobili se non vuoi perdere clienti e visite. L'ottimizzazione mobile significa avere la corretta visualizzazione dei contenuti del tuo sito su tutti i dispositivi mobili aventi una diversa risoluzione dello schermo.
    Ci sono diversi modi per fare questa operazione:

    • n reindirizzamento del sito alla versione mobile. Assicurati di reindirizzare i tuoi visitatori verso la pagina mobile corrispondente quando entrano nel tuo sito da dispositivo mobile, per effettuare questa operazione usa un reindirizzamento basato su user agent( questa applicazione genera una stringa testuale al server al fine di identificare la tecnologia con cui si sta lavorando ), ma ricorda che solo il reindirizzamento 301 è compatibile con i motori di ricerca.
    • Design del sito responsive. Google predilige le soluzioni mobile che mantengono lo stesso URL attraverso diverse piattaforme, quindi è meglio rendere la tua pagina web adattabile. Un design adattabile (responsive) consiste nel definire un foglio di stile dinamico che reagisca in modo diverso a seconda della risoluzione dello schermo.

    Questo ti permette di ridisegnare gli elementi appositamente per una determinata risoluzione, ridimensionarli, spostarli o nasconderli del tutto. La sintassi di un design adattabile si presenta così:

    @media (max-width: 480px) {
    .logo img { display:inline-block; }
    .logo span { display:none; }
    }

    Usare un design responsive può aiutare l’ottimizzazione sia dal punto di vista della qualità della navigazione per i tuoi utenti che per i motori di ricerca.
    Avrai inoltre il vantaggio di avere tutte le versioni del contenuto del tuo sito su un dominio solo, che è una buona strategia per il SEO e previene l'accumulo di contenuti non più utili sulla versione mobile del tuo sito.
    Un'altra cosa fondamentale nel mondo moderno della ricerca tramite dispositivi mobili è la velocità di caricamento della pagina.
    Avere dei tempi bassi di caricamento genererà risultati positivi riguardo al posizionamento della pagina!
    Utilizza il report 'Ottimizzazione Mobile' da Google Search Console per essere sicuro che la tua landing page venga correttamente visualizzata per dispositivi mobili.